Il Pastificio passa dalla ruota di marmo col cavallo al pastificio elettrico, chiamata allora “lavorazione igienica” come si legge in una fattura risalente a quell’anno che si può trovare nel Museo Fabbri.