Il consiglio del Pastificio Artigiano Fabbri : Pappardelle al coniglio, spaghettoni toscani alle ortiche e penne maremmane  Primi Piatti

Da 15 anni, Il Pastificio Fabbri è Partner del Festival Nazionale dei Primi Piatti :”I Primi d’Italia”. Ogni anno, il Pastificio viene consultato e dà consigli per cuocere la pasta. 

Pasta, riso, zuppe, gnocchi, polenta ma anche i prodotti agroalimentari indispensabili per la creazione di un gustoso primo, sono i protagonisti della maratona culinaria più appetitosa d’Italia. Una manifestazione che veste a festa l’intero centro storico di Foligno, promuovendo a tutto tondo la cultura del primo piatto in tavola. Quattro giorni all’insegna di degustazioni continuative, lezioni di cucina, dimostrazioni di grandi Chef, produzioni alimentari di qualità, ma anche momenti di spettacolo e di intrattenimento. Un universo di degustazioni continuative e di cultura alimentare, dove tutte le vie portano al gusto. Vedi il sito internet : http://www.iprimiditalia.it/partner/

 

Estratto dal libro pubblicato per il XIII° Festival Nazionale “I Primi d’Italia” – Edizione 2011:  

PAPPARDELLE DI SAN LORENZO

Il 10 Agosto è la Festa di San Lorenzo che a Firenze, per molti secoli, è stata celebrata nella basilica e nel quartiere che gli sono intitolati, con grandi festeggiamenti che coinvolgevano l’intera città. Nel periodo delle Arti rinascimentali, i fornai che lo avevano scelto il santo come patrono in occasione della festa addobbavano le botteghe e realizzavano pane lavorato in forme fantasiose; anche i pastai preparavano sfoglie sottili che, tagliate in grosse strisce con un lato increspato, venivano chiamate “lasagne” ma che erano, in realtà, pappardelle. Sia il pane che la pasta venivano poi offerti alla popolazione più povera e alla sera, si distribuivano a tutti fette di cocomero.

Ricetta consigliata

Pappardelle di San Lorenzo al coniglio

Ingredienti per 4 persone:

400 g di Pappardelle di San Lorenzo Pastificio Fabbri
Mezzo coniglio 
300 g di pomodori maturi
1 spicchio di aglio
1 bicchiere di vino bianco
1 carota
Mezza cipolla 
1 gambo di sedano 
Rosmarino
Olio extravergine di oliva 
Formaggio grattugiato
Sale e pepe 

Procedimento: 

Rosolare aglio, verdure e rosmarino (tutto tritato) in un tegame con 4 o 5 cucchiai d’olio, aggiungere il coniglio in pezzi e dopo alcuni minuti aggiungere sale, pepe e il vino.

Quando il sugo ritira, mettere i pomodori a pezzetti e cuocere per mezz’ora con coperchio a fuoco medio. Terminata la cottura, spolpare il coniglio e rimettere le carni, sminuzzate, nel tegame a cuocere ancora per 10 minuti. Cuocere la pasta in abbondante acqua salata e scolare al dente: versare in una zuppiera, condire con la salsa e servire con aggiunta di formaggio grattugiato.”