Lo spaghetto toscano : prodotto di punta dei Fabbri – Artigiani Pastai dal 1893 

“Se il sapore è gradevole e delicato, la consistenza e lo spessore sono un piccolo miracolo nel loro genere”.

 

Gambero Rosso (vedi il sito »») – n° 114, anno 10 – Luglio 2001 – Pasta e basta (Qui scaricare l’articolo originale)

Estratto dell’articolo :

Accanto ai grandi pastifici che, grazie ad una tecnologia avanzatissima, hanno reso la pasta italiana famosa nel mondo, esistono molte alter piccolo realtà che si sono conquistate la fiducia e il palato dei fans del prodotto di nicchia. Aziende che utilizzano ottimi grani duri, estrusione attraverso trafile in bronzo ed essiccazione a bassissima temperatura in tempi lunghi, anzi lunghissimi. Al di là dei nomi che hanno già raggiunto una certa notorietà, ne esistono altri di tutto rispetto ma ancora sconosciuti.

 Appena fuori Firenze ma già prossimo al Senese, c’è Fabbri – “Artigiani Pastai dal 1893”, che lavora i formati classici trafilati al bronzo (linea Il Torchio) con alcune interessanti divagazioni all’uovo. A parte qualche omaggio regionale, come i nastroni ideali con il cinghiale, il prodotto di punta è uno spaghettone che cuoce in 16-18 minuti ; se il sapore è gradevole e delicato, la consistenza e lo spessore sono un piccolo miracolo nel loro genere“.

Pagg. 47-48.